In Bocca Alla Lupa

Io che mi alleno per i prossimi scazzi sui social.

Io che mi alleno per i prossimi scazzi sui social.

Ieri, dopo il mio post sulla Raggi e sull’avviso di garanzia che pare proprio le arriverà, mi sono stati fatti notare i grandi traguardi raggiunti dal M5S, nonché il ridicolo post della stessa Virginia che provava a difendersi dalle accuse mostrando un documento che attesta la ricezione di nemmeno 2000€ su 13000€ da dichiarare.
Ma tornando al “hanno fatto anche cose buone”, mi è stato fatto notare che:
– si sono decurtati lo stipendio;
– hanno fatto una strada;
– fanno opposizione.
Really

Ma per favore.

Al che rispondo:
“Vanno dichiarati i compensi spettanti, non percepiti. Se non ti pagano è un tuo problema, te la risolvi te, ma tu devi dire quelli che ti hanno promesso nel contratto. Punto, le chiacchiere stanno a zero. E informati meglio anche su di me, non ci si informa a settori e a caso quando appaiono le cose.
Dello stipendio e dellA stradA (una, che dopo manco un mese è stata chiusa perché per due gocce d’acqua stava crollando) ne abbiamo già sentito parlare. Non si sente parlare dei defibrillatori comprati con la parte di stipendio che si levano e su cui hanno messo il marchio sopra, donandoli poi ad una scuola (che grazziaddio ha rifiutato) ripeto: con il marchio vostro sopra. Ma per favore dai, la propaganda fascista faceva meglio.
E fare ostruzionismo su ogni singola cosa non porta sempre benefici, vedi unioni civili e legge “dopo di noi”.”
Dovrebbero farmi santo, a volte.

Dovrebbero farmi santo,            a volte.

Lo scrivo non per rincarare la dose, ma per lanciare un ultimo accorato appello:
Cari Grillini,
oggi probabilmente per voi sarà una vittoria. Schiacciante, minima, io comunque penso proprio che sarà il vostro turno per governare una città vera e propria.
Io giuro che ancora non se, e cosa voterò. Sicuramente andrò al seggio, ma solo nella cabina deciderò se votare uno dei due, se scrivere “IGNAZIO MARINO C’È SOLO UN IGNAZIO MARINO” o “cacca”. Però ci vado perché non voglio responsabilità in merito, e soprattutto voglio avere voce in capitolo quando -sicuramente a breve- mi lamenterò.
Vote
Fatto sta che da domani vi pioverà addosso talmente tanta di quella merda che io già so che mi toccherà pure dire “eh va beh ma non esageriamo”. Perché la macchina del fango voi la conoscete meglio di tutti. Vi siete inventati quella 2.0, fatta di giornalisti da mettere alla gogna e scritte in maiuscolo su chi sta in carcere degli altri partiti. Ricordatevi però che quando esce fuori qualcosa su di voi, tipo un avviso di garanzia, per “ONESTÀ!!1!” dovreste fare un passo di lato, indietro, in alto. Fate voi.
Nessuno è intoccabile, nessuno è puro. Io non mi candiderei mai a nulla di importante, perché mi cacherebbero il cazzo sulle droghe leggere e l’uso improprio di bestemmie, tra le tante cose. E se avete sbagliato qualcosa, come dichiarare di meno, ci può pure stare la buonafede, ma ci sta anche che avete sbagliato e quindi muti. L’onestà prevede anche la bontà di animo nel fare le cose, e non sempre porta a risultati positivi perché spesso si confonde con l’ingenuità, l’essere inesperti che porta a commettere errori, oltre che ad avere il culo dei principianti.
Insomma, una figura di merda la potete pure fare, però poi dovere imparare dai vostri dannati errori. Altrimenti la gente, ogni volta che aprite bocca, reagirà SEMPRE così:
Ops
Quindi adesso sedetevi, respirate, pensate a domani e mettetevi l’anima in pace, perché sarete proiettati in un mare di merda in tempesta, su una zattera che avete fatto al volo con punti esclamativi legati tra loro con cavi di mouse. Ora c’è la vita vera, c’è una città che anche grazie al vostro contributo è precipitata di nuovo in un vortice di magagne e mani unte e occhiolini e contratti chiusi sulla parola. Vi aspetta una popolazione che si stanza subito dopo aver chiesto l’immediato, che già domani vorrà buche tappate ma che con voi per un po’ chiuderà un occhio.
“Diamogli tempo, sono giovani, si devono fare le ossa.”
Beh, quelle ossa ve le farete al punto da rompervele. Perché io ci credo eh, che ci proverete davvero a stanare il malaffare e bonificare tutto. Ma non funziona come volete voi, non si fa ad urla e slogan, con promesse utopiche al limite del grottesco. Roma nun vòle padroni, e non si lascia addomesticare così facilmente.
Soprattutto se non vi siete prima mai fatti annusare.

Caro Giachetti, Ma Sei Serio?

La mia reazione quando ho letto il post di Giachetti.

La mia reazione quando ho letto il post di Giachetti.

Caro Roberto,

che tanto semo romani e se chiamamo subbito pe’ nnome, mica te offenni vè?

Ti scrivo in italiano, che è meglio e così ci capiscono più persone, ché io mica lo so se le persone hanno capito davvero che casino succede a Roma.
Roberto, io sono Romano come te. Ho vissuto per 29 anni a Ponte Galeria, a due passi da Malagrotta, quella che prima che intervenisse Marino era la discarica operativa più grande d’Europa. Poi è arrivato lui, ed ha detto basta all’ennesima proroga di sei mesi.
Ma non voglio star qui a farti la ramanzina su quello che Marino sì, e tutti i suoi predecessori no. Io voglio solo spiegarti una cosa, o almeno provarci.

Ieri tu, o il tuo Staff, avete pubblicato questa foto sulla tua pagine FB. Invito chi legge e che non sa di che parlo a cliccare, che io quello schifo sul mio blog non ce lo metto. In sintesi, hai usato quella tecnica che Alessandro Gilioli sul suo profilo ha perfettamente descritto come “testimonial alla rovescia“: e cioè, invece di pescare tra chi appoggia te preferisce prenderne due “brutti, sporchi e cattivi” che votano l’avversario.

La mia rezione quando ho letto il post di Gilioli.

La mia rezione quando ho letto il post di Gilioli.

Caro Roberto, tu ne hai presi due: Alemanno e Marino. Hai preso due loro frasi di (quasi) endorsement alla Raggi ed hai detto “oh, ‘sti due zozzoni la votano, mica vorrete abbassarvi al loro livello”.
Partiamo dal presupposto che su Alemanno manco ci soffermiamo.
Ma tu davvero hai paragonato lui a Marino? Cioè, il primo un fascista della peggio specie, un ladruncolo, un ex carcerato che è stato barricato cinque anni in Campidoglio e per cui non avete fatto NULLA per cacciarlo, mentre il secondo è un chirurgo di fama internazionale che ci si è messo di punta, contro tutti e contro di voi, il suo partito, che lo ha abbandonato prima, ridicolizzato ed accusato poi.

Roberto, io capisco che il vicolo è cieco. Game over, come diceva Renzi ai suoi schiavi quando ha dato il segnale di far cadere Marino. Al ballottaggio hai più speranze di incontrare Elvis andando a votare, che di vincere. E tutto quello che riesci a fare è solo spostare voti verso la Raggi. Magari pure il mio, chissà.

Caro Roberto, io come te sono romano e seppur la vita politica l’ho sfiorata, accarezzata, a volte solo guardata mentre dormiva, vivo a Roma e mi ci sposto, ci vivo, quando ho due soldi ci mangio pure. Il quotidiano è un inferno, la prospettiva a lungo termine un incubo.
E tutto quello che riuscite a fare da un anno a questa parte è solo ed esclusivamente consegnare la città ad altri, spostando l’attenzione e gettando sabbia negli occhi alla gente.
Io con Marino avevo visto un po’ più in là, nonostante gli scioperi bianchi ed i continui, giornalieri attacchi che arrivavano da tutte le parti. Avete massacrato un uomo e con lui i suoi elettori, ed altro non avete fatto che stuzzicare i nostri corpi con un bastone. Ci avete illuso di poter essere un partito lungimirante, e ci avete spezzato sogni e gambe nel giro di due anni.

Caro Roberto, ricordati che se ora sei lì, in un angolo, a prendere destri da tutti insultando la mamma della gente perché non sai dire altro, è anche colpa tua, tua e del tuo partito che ci ha costretto, tutti quanti, ad incazzarci più del dovuto, e a vergognarci quotidianamente per questa città che è di tutti, e non appartiene più a nessuno.

Caro Roberto, ti saluto, con l’augurio che da oggi al 19 i tuoi spot siano più corretti, mirati, che tu riesca a fare il miracolo anche solo per far rosicare i grillini. Ma fidati che al prossimo passo falso, avranno un voto in più che non hanno ricevuto al primo turno.